Algoritmi, Big Data e Data Science

MeWe cos’è? Come funziona Mewe social?

0

cos'è mewe

Cos’è MeWe? Come funziona MeWe social?

MeWe è il social network considerato sempre più spesso come l’alternativa a Facebook grazie ad un’interfaccia grafica simile, insieme ad una maggiore attenzione alla privacy degli utenti e ad una minore moderazione dei contenuti, cosa che lo ha reso popolare in USA soprattutto tra gli utenti conservatori. Oltre che negli Stati Uniti, MeWe ha guadagnato popolarità lo scorso anno anche ad Hong Kong dopo che molti utenti decisero di abbandonare Facebook preoccupati per possibili censure da parte della piattaforma di Zuckerberg.

Come funziona MeWe?

Il sito e l’app MeWe hanno caratteristiche comuni alla maggior parte dei social media: gli utenti possono pubblicare testo, immagini e video in un feed, interagire con i post di altri utenti utilizzando emoji, creare gruppi tematici, pubblicare contenuti che scompaiono e creare chat tra due o più persone o tra membri di un gruppo.

L’interfaccia del sito è simile a quella di Facebook, per questo motivo e per la sua attenzione alla privacy e alla rilevazione dei dati, MeWe si definisce l'”anti-Facebook”.

L’app MeWe, in particolare, appare ben progettata, intuitiva e con un’interfaccia di messaggistica user-friendly. L’app prende il nome dalla funzione di selfie della fotocamera anteriore (Me) e dalla funzione foto della fotocamera posteriore (We). Le foto possono essere pubblicate con un tempo di scadenza, dopo di che scompaiono automaticamente.

mewe

La creazione di un account è molto semplice. Subito dopo la creazione, viene chiesto di invitare amici, esplorare gruppi aperti o avviare un gruppo privato.

Dopo l’adesione a un gruppo, i post del gruppo verranno visualizzati nel feed nella sequenza temporale, e non secondo un algoritmo come per Facebook. Aderendo ad un gruppo, si viene anche aggiunti a una chat accessibile a tutti i membri del gruppo (chat che può essere disabilitata). Alcune chat sembrano del tutto morte, ma la maggior parte di quelle che riguardano la politica sono molto attive.

MeWe l’anti-Facebook

mewe funzionalita

Rispetto ad altri social come Gab o come Parler (al momento inattivo dopo che Amazon gli ha bloccato l’utilizzo dei server), MeWe non sembra essere dedicato quasi esclusivamente alla politica. Vi sono infatti gruppi dedicati alla musica o al cibo.
Anche su MeWe tuttavia, come su Gab, appaiono in primo piano link a testate conservatrici come Newsmax, molto vicina a Donald Trump.

MeWe sostiene di ospitare comunità conservatrici e progressiste allo stesso modo, ed è possibile trovare gruppi in favore del senatore democratico senatore Bernie Sanders o a sostegno del veganismo o delle questioni LGBTQ+.

Gli utenti di MeWe sono al 50% in Nord America, per circa il 24% in Asia, per il 24% in Europa e per il 2% in Australia. L’app e il social MeWe sono tradotti in 20 lingue. Secondo i dati forniti dal fondatore Mark Weinstein, attualmente circa il 3% degli utenti sono iscritti alla versione premium.

MeWe sottolinea il suo impegno per la privacy e quello di continuare a non inserire contenuti pubblicitari nei feed. Inoltre dichiara che non utilizzerà mai cookie o spyware e che non traccerà in alcun modo l’attività degli utenti né venderà i dati degli utenti a terzi. MeWe dichiara anche che nel loro feed non promuovono argomenti in tendenza come avviene invece su altri social network quali Facebook, Twitter, Instagram e LinkedIn.

mewe2

Il modello di business di MeWe

mewe business model

Il modello di business di MeWe non si basa sugli introiti pubblicitari. MeWe infatti guadagna dalle quote di abbonamento per servizi addizionali e dalla vendita di emoji personalizzati.

Secondo MeWe Facebook ha completamente rotto il legame di fiducia con i suoi utenti. Facebook è accusata infatti, e a ragione, di essere una società di marketing che gestisce e vende l’accesso ai dati dei propri utenti e che i clienti di Facebook non sono certo gli utenti, ma gli inserzionisti pubblicitari.

Chi è il fondatore di MeWe?

Mark Weinstein MeWe

Mark Weinstein è il fondatore e amministratore delegato di MeWe. Nell’advisory board di MeWe c’è anche lo scienziato informatico Tim Berners-Lee, creatore del world wide web e da tempo molto critico nei confronti dello sviluppo delle aziende BigTech e del loro modo di sfruttare internet.

MeWe è di proprietà della società denominata Sgrouples, che era stato anche il nome iniziale prima che fosse utilizzato MeWe. In un’intervista con Rolling Stone, Mark Weinstein si è definito “uno dei ragazzi che hanno inventato i social media”. In effetti Weinstein già nel 1998 aveva creato un primissimo sito di tipo social network chiamato SuperGroups, che poi fu chiuso dai suoi investitori nel 2001.

Nel 2011, Mark Weinstein avviò una nuova azienda che alla fine portò alla creazione di MeWe.

Weinstein da anni scrive su temi della privacy. In questo video registrato durante un evento TEDx, parla dell’ascesa del capitalismo della sorveglianza.

Secondo Weinstein stiamo partecipando al più grande esperimento socioeconomico della storia umana. Weinstein usa i termini Surveillance Capitalism perché tutto ciò che facciamo – mattina, giorno e notte – viene monitorato, analizzato e monetizzato. Secondo Weinstein “Google sa quando sei incinta, Facebook conosce le tue finanze e Fitbit sa quando fai sesso!”.


Altri articoli che possono interessarti:

Parler, MeWe e Gab le alternative conservatrici

Opinioni politiche online e social media

Social media, fake e crescita esponenziale

Articolo precedente

Alt-Tech (Parler,Rumble,Gab) vs Big Tech

Prossimo articolo

Articoli che possono interessarti

Commenti

I commenti sono chiusi.