Usa

Il movimento Boogaloo e Facebook

0

boogaloo

Come i membri di Boogaloo avrebbero usato Facebook per tramare un omicidio

Facebook è diventato sempre più il luogo su cui i gruppi marginali estremisti come Boogaloo si basano per pianificare le loro azioni. È su Facebook che i manifestanti antigovernativi e pro-gun hanno coordinato le manifestazioni contro le quarantene del coronavirus e dove il gruppo di estrema destra Proud Boys ha progettato di infiltrarsi nelle proteste di George Floyd. Facebook è anche il luogo in cui il movimento Boogaloo è decollato in notorietà nell’ultimo anno.

Il movimento, caratterizzato da legami deboli al proprio interno, prende il suo nome dal film cult del 1984 Breakin ‘2: Electric Boogaloo ed è usato ironicamente per riferirsi a una seconda guerra civile americana. Alcuni membri rimangono concentrati solo sulla retorica antigovernativa, mentre altri scivolano nel suprematismo bianco o nelle ideologie neonaziste. Negli ultimi mesi, diversi membri di Boogaloo hanno portato le loro attività offline e sono stati arrestati per crimini, tra cui la costruzione di bombe e la cospirazione per commettere atti di terrorismo.

Leggi qui l’articolo integrale (inglese)


Altri articoli su Disinformazione e Propaganda – Notizie dal mondo

affaripolitici
"Quando un solo cane si mette ad abbaiare a un’ombra, diecimila cani ne fanno una realtà".

    I monopoli Big Tech sopravviveranno al 2020?

    Articolo precedente

    The North Face e Patagonia boicottano Facebook

    Prossimo articolo

    Articoli che possono interessarti

    Commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Altri articoli in Usa