Manifesti politici

Churchill, Roosevelt e la propaganda fascista

0

Propaganda fascista Churchill Roosevelt

Churchill, Roosevelt e la propaganda fascista in questo manifesto realizzato nella fase finale della seconda guerra mondiale. La propaganda fascista elaborò numerosi manifesti contro Churchill e Roosevelt e le truppe alleate.

Questo manifesto di propaganda fascista italiana risale probabilmente al 1944. Il manifesto raffigura Churchill e Roosevelt, entrambi con in mano pistole, sopra una città in rovina e bambini morti, con una bandiera pirata sullo sfondo.

Come inquadramento storico la propaganda usò la riproduzione di manifesti e giornali dell’epoca con Churchill e Roosevelt disegnati con facce da gangster.

Il manifesto fu firmato da Gino Boccasile (1901-1952) un illustratore italiano e sostenitore di Benito Mussolini. Boccasile produsse numeroso materiale di propaganda per il governo fascista, inclusi numerosi manifesti razzisti e antisemiti.

Man mano che aumentavano le proteste contro il fascismo, Boccasile al contrario divenne un sostenitore dello stato fantoccio tedesco, RSI, istituito da Mussolini nell’Italia settentrionale e centrale dopo la sua liberazione dall’esilio del Gran Sasso. Boccasile si arruolò quindi nella Divisione SS italiana, disegnando i loro poster di reclutamento e illustrando materiale di propaganda.
Dopo la guerra fu imprigionato e processato per la collaborazione con i fascisti. Sebbene assolto, rimase ai margini e non riuscì a trovare lavoro per diversi anni poiché la sua notorietà era temuta dai potenziali datori di lavoro.
Si sostenne brevemente facendo schizzi pornografici per editori inglesi e francesi, e nel 1946, dopo aver cambiato stile, tornò al lavoro. Fondò la sua agenzia a Milano dove creò poster di successo per l’azienda di cosmetici Paglieri, il dentifricio Chlorodont, il liquore Iperchina e le calzature Zenith.

Altri manifesti di propaganda sono nella sezione Propaganda

affaripolitici
"Quando un solo cane si mette ad abbaiare a un’ombra, diecimila cani ne fanno una realtà".

    Come funziona l’algoritmo di TikTok e le accuse di razzismo

    Articolo precedente

    Gli utenti Facebook “automatizzati” rappresentano una “rottura” rispetto alla precedente strategia di disinformazione

    Prossimo articolo

    Articoli che possono interessarti

    Commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Altri articoli in Manifesti politici